UBS News Alert


Studio UBS «Prezzi e salari»

Zurigo/Basilea | | UBS News

Un raffronto globale del potere d’acquisto, aggiornamento al 2010.

Ancora Oslo, Zurigo e Ginevra le città più care del mondo

Secondo uno studio condotto da UBS, anche quest'anno Oslo, Zurigo e Ginevra sono le città più care del mondo. Seguono Tokio, Copenhagen e New York. I prezzi più bassi per un ampio paniere di beni e servizi si riscontrano nelle città di Mumbai, Manila e Bucarest.

Data la forte rivalutazione del dollaro australiano e neozelandese, il livello dei prezzi di Auckland e Sydney è notevolmente aumentato, e le due metropoli si attestano tra il primo terzo delle 73 città esaminate. Caracas, invece, risulta molto più conveniente rispetto all'anno precedente. Il Venezuela ha registrato un forte rincaro del 40 percento circa, più che compensato tuttavia dalla svalutazione del bolivar venezuelano del 50 percento circa.

Maggior potere d'acquisto a Zurigo, Sydney e Miami
I lavoratori di Zurigo, Sydney, Miami e Los Angeles godono del maggior potere d'acquisto dei salari orari locali (al netto delle tasse). Dato il livello salariale decisamente ridotto, il potere d'acquisto nazionale dei salari di diverse città nei Paesi emergenti si attesta come sempre a più dell'80 percento in meno rispetto a Zurigo. Tra le città esaminate, il potere d'acquisto minimo si registra a Jakarta, Nairobi e Manila.

Metodologia

Lo studio «Prezzi e salari» viene pubblicato ogni tre anni dagli economisti di UBS Wealth Management Research. Nell'edizione del 2009 sono state condotte delle inchieste standard su prezzi e salari in ben 73 città di tutto il mondo. Per l'aggiornamento di quest'anno, i dati relativi a prezzi e salari rilevati all'inizio del 2009 sono stati integrati con l'inflazione accumulata (da marzo 2009 a giugno 2010) e le variazioni nei tassi di cambio registrate nel periodo. Per ridurre al minimo l'impatto delle forti oscillazioni giornaliere dei corsi, si è scelto di utilizzare il corso medio delle divise da giugno a luglio 2010. Oltre che dei tassi di cambio e dell'inflazione, per il calcolo dell'indice dei salari si è tenuto conto del fatto che buona parte della crescita economica è dovuta alle variazioni nella produttività sul lavoro ed è stata trasmessa ai collaboratori sotto forma di adeguamenti ai salari reali.

Contatto:

Asia Pacifico:
Yonghao Pu, Head Wealth Management Research Asia Pacific
Tel. +852-297 186 93

Europa, Svizzera e altri paesi:
Daniel Kalt, Head Global Economic Research
Tel. +41-44-234 25 60

Andreas Höfert, Chief Economist
Tel. +41-44-234 67 96