UBS News Alert


UBS espande in modo significativo le attività in Medio Oriente per accelerare la crescita

Zurigo/Basilea/Londra/Riad | | UBS News

• UBS in procinto di avviare attività nel Regno Arabo Saudita • UBS sceglie il CEO di UBS Arabia Saudita • UBS richiede la licenza di operare nel Qatar • UBS amplia la copertura di Investment Banking Division & Equity Research nella regione

UBS annuncia oggi diverse misure cruciali tese a imprimere un forte slancio alla rapida crescita già in atto in Medio Oriente. Il pacchetto di iniziative, oltre a confermare l'impegno a lungo termine di UBS in questa regione, aiuterà la banca a raggiungere il suo obiettivo: diventare uno dei fornitori leader di servizi finanziari in Medio Oriente.

UBS in procinto di avviare attività nel Regno Arabo Saudita
UBS è fiera di annunciare di aver ottenuto l'autorizzazione condizionale della Capital Markets Authority (CMA) per l'avvio delle attività nel Regno Arabo Saudita.

John Fraser, Presidente e CEO di UBS Global Asset Management nonché membro del Direttorio del Gruppo, assumerà anche la Presidenza di UBS Arabia Saudita mentre la Vicepresidenza sarà affidata a Mohammed Al Dhoheyan, attualmente CEO della Development and Management House for Investments (una società esistente autorizzata dalla CMA).

A margine di questo annuncio John Fraser ha commentato: «Forti di oltre quarant'anni di esperienza in questa regione, la nostra decisione di avviare attività nel Regno Arabo Saudita è un'ulteriore prova dell'impegno a lungo termine di UBS in Medio Oriente e costituisce un'importante pietra miliare nello sviluppo della nostra banca in un mercato molto interessante e di importanza cruciale.»

«L'autorizzazione della CMA ci offre l'opportunità di rafforzare la nostra posizione di leader mondiale nell'ambito della gestione patrimoniale nella regione e ci consente di avvicinarci ai nostri clienti asset management e investment banking nel Regno Arabo Saudita» ha proseguito Fraser.

In seguito all'approvazione finale della CMA e di altre autorità competenti, UBS Arabia Saudita prevede di aprire entro la fine dell'anno. In linea con il modello operativo integrato di UBS, UBS Arabia Saudita si concentrerà sulle attività strategiche su titoli globali della banca, offrendo alla clientela nazionale e internazionale servizi completi nell'ambito della gestione patrimoniale, dell'asset management e dell'investment banking.

UBS sceglie il CEO di UBS Arabia Saudita
UBS è lieta di comunicare di aver candidato Mohamed Sammakia alla posizione di CEO di UBS Arabia Saudita, nomina soggetta alla consueta approvazione delle autorità competenti.

Attualmente attivo a Londra come Direttore nella divisione Fixed Income di UBS e Presidente della Regione Medio Oriente, Sammakia vanta un'esperienza più che trentennale con il Medio Oriente e l'Africa Settentrionale. Oltre ad esibire un track record consolidato, ha svolto un ruolo decisivo in numerose operazioni di rilievo condotte da UBS nella regione.

Nella sua nuova funzione, Sammakia sarà responsabile dell'avvio delle nuove attività di UBS nel Regno Arabo Saudita, promuovendo inoltre la continua espansione della piattaforma di successo della banca nella regione. Nell'ambito del suo mandato, si avvarrà dei numerosi contatti di lunga data da lui intrattenuti nella regione, al fine di rafforzare le opportunità di cross business e di massimizzare la crescita dei ricavi e la redditività in Medio Oriente.

A proposito di questa nomina Fraser si è così espresso: «Sono molto contento che Sammakia abbia accettato di assumere questo ruolo chiave. Ha alle spalle una notevole esperienza a contatto con le principali istanze decisionali del Medio Oriente che, unitamente a una carriera trentennale nel settore finanziario, lo rendono il candidato ideale per questa posizione di importanza strategica nella regione.»

UBS richiede la licenza di operare nel Qatar
UBS ha presentato una richiesta alla Qatar Financial Centre Regulatory Authority per ottenere la licenza che autorizza l'apertura di una filiale in seno al Qatar Financial Centre. Da un lato, l'operazione rientra nella strategia dell'azienda tesa a consolidare la propria presenza in Medio Oriente, dall'altro apre a UBS numerose opportunità nel Qatar, il Paese con il più alto PIL pro capite del mondo e uno dei tassi di crescita economica più elevati.

UBS amplia la copertura di Investment Banking Division (IBD) & Equity Research nella regione
Nel quadro dell'annunciata espansione a lungo termine in Medio Oriente, UBS ha inoltre comunicato di avere in serbo i seguenti progetti:
• ingrandire il proprio team IBD regionale più che raddoppiandolo entro la fine del 2008, in seguito alla nomina di Christopher Niehaus a Joint Head di Investment Banking per l'area Medio Oriente e Nord Africa (MENA);
• iniziare a seguire a livello regionale i titoli mediorientali dagli Emirati Arabi Uniti (EAU) entro la fine del 2008 - UBS ha di recente cominciato a coprire gli EAU tramite il team europeo di analisi economica di Londra.

Un ulteriore avvenimento degno di nota nella regione è la joint-venture al 50% siglata da UBS Global Asset Management e Abu Dhabi Investment Company nel febbraio 2008, tesa a sviluppare, promuovere e gestire fondi che investono in infrastrutture nella regione MENA. Il primo fondo della joint-venture, l'«ADIC-UBS Infrastructure Fund I» sarà dotato di un patrimonio di USD 500 milioni e il suo lancio è previsto nel corso del 2008.

Un'altra notizia di rilievo è che nelle classifiche 2008 di Euromoney, UBS Wealth Management figura al primo posto nella graduatoria dei migliori servizi di private banking in Medio Oriente mentre UBS Investment Bank è stata insignita del titolo di «Best Equity House» in Medio Oriente.

In caso di domande rivolgersi a:

Dominik von Arx, UBS Media Relations

+44-20 7568 2439

Hana Dunn, UBS Media Relations

+44-20 7568 9822