Novità UBS


Investor Day 2011: UBS aggiorna i propri piani strategici e patrimoniali; fissa nuovi obiettivi finanziari e annuncia l’intenzione di introdurre un programma di progressiva restituzione del capitale

Zurigo/Basilea | | Price Sensitive Information

 

  • La strategia di UBS è incentrata sull’attività di gestione patrimoniale e rafforzerà la posizione di leadership della Banca nei mercati più interessanti

  • L’Investment Bank sarà più focalizzata e meno complessa; l’obiettivo è ridurre i propri attivi ponderati in funzione del rischio secondo Basilea 3, pari attualmente a CHF 300 miliardi, di circa CHF 145 miliardi, ossia di quasi il 50%

  • ROE compreso tra il 12% e il 17% a livello di Gruppo dal 2013

  • Coefficiente Common Equity Tier 1 del 13% secondo i criteri di Basilea 3

  • UBS intende proporre un dividendo di CHF 0,10 per azione per il 2011 e successivamente un programma di progressiva restituzione del capitale.

Zurigo / Basilea, 17 novembre 2011 - UBS presenta oggi agli investitori un aggiornamento dopo aver completato una revisione strategica realizzata congiuntamente dal Consiglio di amministrazione di UBS e dal Direttorio del Gruppo.

La strategia di UBS è fondata sulla consolidata posizione di leadership delle proprie attività di gestione patrimoniale e di banca universale sul mercato svizzero. Al fianco di una Investment Bank, maggiormente focalizzata, meno complessa e a minore utilizzo di capitale e di un Global Asset Management solido, UBS potrà perseguire una crescita ulteriore ed espandere la propria rete globale di gestione patrimoniale di primo piano.

Sergio Ermotti, CEO del Gruppo, ha dichiarato: "Come UBS partiamo da una posizione di forza e intendiamo altresì adattare la nostra strategia al fine di produrre ritorni più interessanti per i nostri azionisti e rispondere ai cambiamenti economici e regolamentari. Abbiamo scelto di ridurre sostanzialmente il profilo di rischio della Banca tramite la dismissione e il ridimensionamento di attività che non aggiungono valore alla nostra base di clienti o per le quali i rendimenti corretti per il rischio risultino poco interessanti. Il Consiglio di amministrazione e io stesso siamo convinti che questa strategia faccia leva sui nostri punti di forza e sia saldamente incentrata sulle necessità dei nostri clienti. Continueremo a investire in prodotti e aree geografiche nelle quali ravvisiamo opportunità di crescita, in particolare nella gestione patrimoniale. Intendiamo generare una porzione più importante dei nostri utili attraverso attività che producano risultati più costanti e, parallelamente alla riduzione del rischio e a una più rigorosa gestione dei costi, miriamo a offrire ai nostri azionisti rendimenti più attraenti. Siamo fiduciosi di poter conseguire un ROE compreso tra il 12% e il 17% e siamo inoltre determinati a restituire capitale ai nostri azionisti."

La crescita e il successo di UBS saranno stimolati dalla consolidata leadership della Banca nelle attività di gestione patrimoniale, che contano complessivamente attivi investiti per quasi CHF 1400 miliardi. UBS intende ampliare la propria posizione di primo piano in Svizzera, Europa, Asia-Pacifico e nei mercati emergenti e continuerà a fare leva sull’eccellente competenza nell'esecuzione di Wealth Management Americas.

Le attività bancarie Retail & Corporate di UBS, di punta in Svizzera, sono parte integrante del successo del Gruppo. UBS intende accrescere la propria quota di mercato sviluppando ulteriori opportunità nei servizi bancari e creditizi in capo ai clienti esistenti e investendo in tecnologia e infrastrutture per ampliare le competenze bancarie nell'ambito delle transazioni per corporate.

L’Investment Bank sarà meno complessa, deterrà meno attivi ponderati in funzione del rischio e ricorrerà a una quota di capitale decisamente meno consistente per offrire rendimenti sostenibili agli azionisti. La propria strategia incentrata sulla clientela sarà focalizzata sul servire le esigenze dei principali clienti nella gestione patrimoniale e nei segmenti istituzionali, aziendali, sovrani e sponsor e sull’investire nelle attività nelle quali eccelle di consulenza, mercati dei capitali e flussi e soluzioni per i clienti. Diverse unità saranno dismesse o ridimensionate significativamente. L’Investment Bank opererà in più stretta collaborazione con le divisioni di gestione patrimoniale di UBS e metterà l'accento sulle proprie competenze nell'esecuzione, la consulenza e la ricerca messe a disposizione dei clienti di Wealth Management.

Global Asset Management continuerà a fornire servizi d’investimento alla clientela tramite le proprie capacità d’investimento diversificate. La divisione accrescerà le attività wholesale terze, facendo leva sui punti di forza consolidati nella regione Asia-Pacifico e in Svizzera e continuerà a strutturare i propri servizi ai clienti delle gestioni patrimoniali di UBS.

La strategia di UBS si fonda sulla solidità del proprio assetto di capitale, della propria struttura di finanziamento e della propria posizione in materia di liquidità. UBS è determinata a rimanere una delle banche meglio capitalizzate al mondo e punta a un coefficiente Common Equity Tier 1 del 13% secondo i criteri di Basilea 3. UBS è fiduciosa di poter perseguire un ROE tra il 12 e il 17%. Il team di direzione intende proporre un dividendo di CHF 0,10 per azione per l’esercizio 2011 e successivamente un programma di progressiva restituzione del capitale.

Intervalli di obiettivi di performance annuali1

Gruppo
- Coefficiente Common Equity Tier 1 secondo Basilea 3: 13% 2
- Return on equity annuo: 12-17%
- Rapporto costi/ricavi: 65-75%

Wealth Management
- Tasso di crescita annuo della raccolta netta: 3-5%
- Margine lordo annuo: 95-105 pb
- Rapporto costi/ricavi: 60-70%

Wealth Management Americas
- Tasso di crescita annuo della raccolta netta: 2-4%
- Margine lordo annuo: 75-85 pb
- Rapporto costi/ricavi: 80-90%

Retail & Corporate
- Volume annuo di nuove attività nette: 1-4%
- Margine d’interesse netto annuo: 140-180 pb
- Rapporto costi/ricavi: 50-60%

Global Asset Management
- Tasso di crescita annuo della raccolta netta: 3-5%
- Margine lordo annuo: 32-38 pb
- Rapporto costi/ricavi: 60-70%

Core Investment Bank 3
- Rendimento ante-imposte del capitale proprio attribuito annuo: 12-17%2, 4
- Rapporto costi/ricavi: 70-80%
- Attivi ponderati in funzione del rischio: <CHF 150 miliardi 5

Altre significative comunicazioni

  • Le posizioni residue includono le "auction rate securities", attivi coperti da monoline, altri titoli cartolarizzati e alcune posizioni su tassi a lungo termine. Le posizioni residue saranno registrate in Corporate Center a partire dal 2012.

  • Le posizioni residue di attivi ponderati in funzione del rischio pro-forma secondo i criteri di Basilea 3 per circa CHF 70 miliardi al 30.9.11, che rappresentano approssimativamente CHF 30 miliardi di attivi di bilancio, si prevede vengano ridotte a circa CHF 5 miliardi entro il 2016.

  • Gli attivi ponderati in funzione del rischio pro-forma secondo i criteri di Basilea 3 di Core Investment Bank, pari a circa CHF 230 miliardi al 30.9.11, si prevede vengano ridotte a meno di CHF 150 miliardi entro il 2016.

  • Il personale di Investment Bank è previsto attestarsi a circa 16.500 unità entro fine 2013 e 16.000 entro la fine del 2016, rispetto alle attuali 18.000 circa.

  • Gli attivi ponderati in funzione del rischio pro-forma secondo i criteri di Basilea 3 di Gruppo, pari a circa CHF 400 miliardi6 al 30.9.11, si prevede vengano ridotti a CHF 290 miliardi entro il 2013 e a CHF 270 miliardi entro il 2016. Questi dati non includono potenziali attenuazioni derivanti dall’opzione di riacquisto del capitale di SNB StabFund (circa CHF 20 miliardi di attivi ponderati in funzione del rischio pro-forma secondo i criteri di Basilea 3 al 30.9.11).

  • Il team di direzione di Wealth Management Americas resta fiducioso di poter conseguire un utile ante imposte annuo di USD 1 miliardo.

  • UBS intende emettere debito non diluitivo e in grado di assorbire perdite, qualificabile come capitale.

1 Gli obiettivi annuali per le divisioni e i rapporti costi/ricavi rappresentano intervalli di obiettivi di performance annuali riferiti al periodo dal 2012 al 2016; escludono qualunque elemento straordinario significativo e il credito proprio, laddove applicabile. Gli obiettivi di ROE per il Gruppo e di ritorno sul capitale proprio attribuito per Investment Bank si applicano a partire dall'inizio del 2013; il 2012 rappresenta un anno di transizione dal momento che Investment Bank dovrà gestire una sostanziale riduzione degli attivi ponderati in funzione del rischio. Tutti gli obiettivi presuppongono tassi di cambio costanti.
2 L'obiettivo di Common Equity Tier 1 è da raggiungersi entro il 2013, secondo le regole programmate di Basilea 3.
3 Si riferisce all'attuale configurazione di Investment Bank, escludendo le attività e le posizioni residue che verranno registrate nel Corporate Center a partire dal 2012 come descritto sotto.
4 Si prevede una diminuzione del capitale proprio attribuito a Investment Bank in quanto quest’ultima punta a una sostanziare riduzione degli attivi ponderati in funzione del rischio. Le attività e le posizioni residue saranno trasferite al Corporate Center.
5 L'obiettivo di attivi ponderati in funzione del rischio per Core Investment Bank è da raggiungersi entro il 2016.
6 Sono esclusi i CHF 17 miliardi di Value at Risk sottoposti allo stress test in relazione all'operazione di negoziazione non autorizzata, dal momento che tale importo sarà riportato nel quarto trimestre.

UBS SA

Contatti

Svizzera: +41-44-234-85 00
Regno Unito: +44-207-567 47 14
Americhe: +1-212-882 58 57
Asia Pacifico: +852-297-1 82 00

www.ubs.com

Cautionary Statement Regarding Forward-Looking Statements
This release contains statements that constitute “forward-looking statements”, including but not limited to management’s outlook for UBS’s financial performance and statements relating to the anticipated effect of transactions and strategic initiatives on UBS’s business and future development. While these forward-looking statements represent UBS’s judgments and expectations concerning the matters described, a number of risks, uncertainties and other important factors could cause actual developments and results to differ materially from UBS’s expectations. These factors include, but are not limited to: (1) developments in the markets in which UBS operates or to which it is exposed, including movements in securities prices or liquidity, credit spreads, currency exchange rates and interest rates and the effect of economic conditions and market developments on the financial position or creditworthiness of UBS’s clients and counterparties; (2) changes in the availability of capital and funding, including any changes in UBS’s credit spreads and ratings; (3) the ability of UBS to retain earnings and manage its risk-weighted assets in order to comply with recommended Swiss capital requirements without adversely affecting its business; (4) changes in financial regulation in Switzerland, the US, the UK and other major financial centers which may impose constraints on or necessitate changes in the scope and location of UBS’s business activities and in its legal and booking structures, including the imposition of more stringent capital and liquidity requirements, incremental tax requirements and constraints on remuneration, some of which may affect UBS in a different manner or degree than they affect competing institutions; (5) possible constraints that regulatory authorities might impose directly or indirectly on UBS’s business activities, whether as a consequence of the recently unannounced unauthorized trading or for other reasons; (6) changes in UBS’s competitive position, including whether differences in regulatory requirements among the major financial centers will adversely affect UBS’s ability to compete in certain lines of business; (7) the liability to which UBS may be exposed due to litigation, contractual claims and regulatory investigations, some of which stem from the market events and losses incurred by clients and counterparties during the financial crisis; (8) the effects on UBS’s cross-border banking business of tax treaties currently being negotiated by Switzerland and future tax or regulatory developments; (9) the degree to which UBS is successful in effecting organizational changes and implementing strategic plans, and whether those changes and plans will have the effects intended; (10) UBS’s ability to retain and attract the employees necessary to generate revenues and to manage, support and control its businesses; (11) changes in accounting standards or policies, and accounting determinations affecting the recognition of gain or loss, the valuation of goodwill and other matters; (12) limitations on the effectiveness of UBS’s internal processes for risk management, risk control, measurement and modeling, and of financial models generally; (13) whether UBS will be successful in keeping pace with competitors in updating its technology, particularly in trading businesses; and (14) the occurrence of operational failures, such as fraud, unauthorized trading and systems failures, either within UBS or within a counterparty. Our business and financial performance could be affected by other factors identified in our past and future filings and reports, including those filed with the SEC. More detailed information about those factors is set forth in documents furnished by UBS and filings made by UBS with the SEC, including UBS’s Annual Report on Form 20-F for the year ended 31 December 2010, as amended by Form 20-F/A filed on 10 November 2011. UBS is not under any obligation to (and expressly disclaims any obligation to) update or alter its forward-looking statements, whether as a result of new information, future events, or otherwise.