Novità UBS


UBS chiude il terzo trimestre con una perdita di CHF 564 milioni, su cui hanno inciso oneri contabili pari a CHF 2.150 milioni

Zurigo / Basilea | | Quarterly Results

Escludendo tali oneri, l'utile sottostante ante imposte è stato pari a CHF 1.557 milioni

Risultati del terzo trimestre 2009

  • La perdita netta di competenza degli azionisti UBS per il terzo trimestre è stata pari a CHF 564 milioni (CHF 593 milioni ante imposte).

  • Se si deducono dalla perdita ante imposte tre consistenti oneri contabili per complessivi CHF 2,150 milioni registrati nel terzo trimestre, l'utile sottostante ante-imposte risulta pari a CHF 1.557 milioni, un ulteriore progresso rispetto al precedente trimestre.

  • L'incremento della redditività sottostante del Gruppo è ascrivibile ai migliori risultati dell'area Fixed Income, Currencies and Commodities di Investment Bank.

Base patrimoniale e bilancio

  • Solida posizione patrimoniale: ulteriore miglioramento del coefficiente patrimoniale BRI Tier 1 pari al 15,0%; leverage ratio FINMA pari al 3,51% al 30 settembre 2009.

  • Ulteriore ridimensionamento dell'esposizione al rischio e del bilancio: attivi di bilancio ridotti dell'8% a CHF 1.476 miliardi e attivi ponderati per il rischio secondo Basilea II scesi complessivamente del 15% a CHF 211 miliardi a fine trimestre.

Raccolta netta e patrimonio investito

  • I deflussi netti si sono attestati a CHF 16,7 miliardi per Wealth Management & Swiss Bank, CHF 9,9 miliardi per Wealth Management Americas e CHF 10,0 miliardi per Global Asset Management.

  • A fine trimestre il patrimonio investito risultava pari a CHF 2.258 miliardi, in aumento rispetto ai CHF 2.250 miliardi al 30 giugno 2009.

Riduzione dei costi

Il programma di riduzione dei costi si sta svolgendo conformemente a quanto previsto. Al 30 settembre 2009 il numero dei dipendenti era pari a 69.023, in calo di 2.783 unità; l'obiettivo in termini di organico per il 2010 è stato portato a 65.000 per riflettere i disinvestimenti annunciati nel 2009.

Prospettive

Dopo aver consolidato la situazione finanziaria della banca e ridimensionato la sua attività, UBS si aspetta di vedere nei prossimi trimestri, in particolare nel 2010, ulteriori progressi nel ristabilire la redditività di base del business. Tali passi, tuttavia, dipenderanno dal mercato e da altri fattori.

Commentando i risultati di UBS per il terzo trimestre, Oswald J. Grübel, CEO del Gruppo, ha dichiarato: "Negli ultimi due trimestri abbiamo affrontato i problemi più spinosi della banca. L'attività sta gradualmente tornando alla normalità: lo vediamo in un significativo miglioramento dei nostri risultati finanziari. Le azioni intraprese dal management stanno portando risultati visibili e stiamo continuando ad attribuire particolare importanza alla riduzione dei rischi e al mantenimento della base patrimoniale. Inoltre, l'accordo transattivo in merito alla controversia con le autorità fiscali americane e la decisione del governo svizzero di uscire dal proprio investimento in UBS stanno avendo un effetto profondo sui nostri sforzi per ricostruire la fiducia nella nostra azienda e sul morale dei dipendenti. Dopo aver consolidato la situazione finanziaria della banca e ridimensionato la propria attività, mi aspetto di vedere nei prossimi trimestri, in particolare nel 2010, ulteriori progressi. Tali passi, tuttavia, dipenderanno dal mercato e da altri fattori."

Oneri contabili per complessivi CHF 2.150 milioni registrati nel terzo trimestre

UBS riporta una perdita netta di competenza degli azionisti pari a CHF 564 milioni nel terzo trimestre (CHF 1.402 milioni nel secondo trimestre), dovuta a tre consistenti oneri contabili.

Nel terzo trimestre 2009, UBS ha registrato oneri da crediti propri pari a CHF 1.436 milioni per passività finanziarie riportate a valore di mercato (CHF 1.213 milioni nel secondo trimestre), che riflettono prevalentemente il restringimento degli spread creditizi in linea con il marcato miglioramento, secondo la percezione del mercato, del merito creditizio di UBS. Tali oneri non hanno effetti sul capitale regolamentare del Gruppo.

UBS ha registrato una perdita netta di CHF 409 milioni in relazione alla conclusione della vendita di UBS Pactual. Tale onere riflette l'effetto della conversione in valuta straniera sul valore di carico di UBS Pactual e l'effetto della conversione in franchi svizzeri del prezzo di vendita espresso in dollari americani. A seguito della vendita di UBS Pactual, il capitale Tier 1 di UBS è aumentato di CHF 0,7 miliardi e gli attivi ponderati in funzione del rischio sono diminuiti di CHF 2,0 miliardi.

La conversione delle obbligazioni a conversione obbligatoria emesse a favore della Confederazione Svizzera ha determinato una perdita di CHF 305 milioni.

Incremento della redditività di base

Escludendo gli oneri sopra menzionati, la redditività sottostante ante imposte è aumentata a CHF 1.557 milioni. Tale incremento è dovuto principalmente ai migliori risultati registrati nell'area Fixed Income, Currencies and Commodities (FICC) di Investment Bank. Le altre divisioni hanno contribuito positivamente ai dati trimestrali, sebbene il calo dell'utile ante-imposte registrato da Wealth Management & Swiss Bank abbia in parte annullato i progressi di Investment Bank, Wealth Management Americas e Global Asset Management.

I proventi operativi complessivi sono diminuiti lievemente da CHF 5.770 milioni a CHF 5.766 milioni. Tali valori al terzo trimestre 2009 includono l'effetto degli oneri contabili sopra menzionati. I proventi netti da negoziazione sono stati positivamente influenzati dal miglioramento dei risultati di FICC. I proventi da compensi e commissioni sono aumentati leggermente, grazie al fatto che più elevate commissioni di gestione di portafogli e di consulenza hanno compensato lievi diminuzioni in altre categorie. Nel terzo trimestre 2009 UBS ha riportato minori oneri per perdite su crediti per CHF 226 milioni, in calo rispetto ai CHF 388 milioni dei tre mesi precedenti.

I costi operativi complessivi sono diminuiti del 10% da CHF 7.093 milioni a CHF 6.359 milioni. Escludendo la svalutazione dell'avviamento per CHF 492 milioni effettuata nel secondo trimestre in relazione alla vendita di UBS Pactual e le spese di ristrutturazione nel secondo e terzo trimestre, i costi operativi sarebbero cresciuti del 6%. Tale aumento è stato determinato da un incremento delle spese per il personale, che ha in parte riflesso un cambiamento nella politica retributiva in base al quale una proporzione maggiore di retribuzione variabile sarà pagata in contanti (con il relativo costo da registrare nell'anno della performance di riferimento, ovvero il 2009) rispetto a incentivi basati su azioni UBS (che sono ammortizzati durante il periodo di maturazione). Tale cambiamento nella politica retributiva ha inciso su tutte le divisioni, ma ha avuto l'impatto maggiore su Wealth Management & Swiss Bank.

Prospettive

UBS si aspetta di vedere nei prossimi trimestri, in particolare nel 2010, ulteriori progressi. Tali passi, tuttavia, dipenderanno dal mercato e da altri fattori. UBS anticipa che la prima parte del 2010 dovrebbe riflettere appieno l'impatto della riduzione dei costi operata nel 2009. La Banca non si aspetta una ripresa immediata negli afflussi di patrimoni dalla clientela e l'impatto dei bassi tassi d'interesse sui ricavi da interessi attivi netti continua a penalizzare i ricavi, specialmente per Wealth Management & Swiss Bank. UBS si attende che la performance di Investment Bank continui a migliorare con l'avvicinarsi del 2010, ma i risultati della divisione per il quarto trimestre molto probabilmente rispecchieranno il fatto che la ripresa sia ancora agli inizi. Inoltre, in base alle circostanze attuali, UBS si aspetta nuovi oneri da crediti propri nel quarto trimestre, in seguito all'ulteriore restringimento dei propri spread creditizi.

Risultato delle divisioni operative: 3T09 a confronto con 2T09

Wealth Management & Swiss Bank ha riportato un risultato deludente, con un utile ante-imposte di CHF 792 milioni rispetto al valore precedente di CHF 932 milioni. Il calo si è verificato nonostante la diminuzione delle spese di ristrutturazione poiché varie componenti hanno inciso sul risultato del terzo trimestre, incluso il cambiamento nella politica retributiva sopra menzionato.

Wealth Management Americas è tornata alla redditività e ha registrato un utile ante-imposte di CHF 110 milioni rispetto alla precedente perdita ante-imposte di CHF 221 milioni, soprattutto grazie alla diminuzione dei costi operativi.

Global Asset Management ha mostrato una performance più consistente e ha registrato un rialzo dell'utile ante-imposte da CHF 82 milioni a CHF 130 milioni, ascrivibile fondamentalmente all'aumento delle commissioni di performance, in particolare negli investimenti alternativi e quantitativi, e all'incremento delle commissioni di gestione.

Investment Bank ha evidenziato una perdita ante-imposte di CHF 1.370 milioni rispetto al precedente risultato di CHF 1.846 milioni, un risultato che riflette la perdita da crediti propri sopra menzionata. L'area FICC, che ha registrato per la prima volta in nove trimestri risultati netti positivi, ha mostrato progressi nella riduzione del rischio e gli effetti di alcune assunzioni chiave nell'attività di credito. Equities e investment banking hanno conseguito minori ricavi.

Corporate Center ha registrato una perdita da attività continuative al lordo delle imposte pari a CHF 255 milioni nel terzo trimestre. La perdita registrata in relazione alla conclusione della vendita di UBS Pactual è stata in parte compensata da guadagni sul cambio pari a CHF 156 milioni contabilizzati nel terzo trimestre 2009 in seguito alla decisione di UBS di sostituire il dollaro statunitense con il franco svizzero nel finanziamento di due società controllate statunitensi. Le obbligazioni a conversione obbligatoria emesse a dicembre 2008 e convertite ad agosto 2009 hanno determinato una perdita netta di CHF 305 milioni, mentre la rivalutazione dell'opzione di UBS per rilevare il capitale di SNB StabFund ha fruttato un guadagno di CHF 168 milioni.

Raccolta netta e patrimonio investito

Wealth Management & Swiss Bank - I deflussi netti sono rimasti stabili a CHF 16,7 miliardi nel terzo trimestre rispetto ai CHF 16,5 miliardi del secondo trimestre. Riguardo la clientela svizzera, i deflussi netti sono aumentati complessivamente a CHF 3,9 miliardi da CHF 0,2 miliardi mentre, a livello di clientela internazionale, sono rallentati portandosi a CHF 12,9 miliardi da CHF 16,3 miliardi.

Wealth Management Americas - Nel terzo trimestre si sono registrati deflussi netti per CHF 9,9 miliardi, contro i CHF 5,8 miliardi evidenziati nel secondo trimestre 2009.

Global Asset Management - I deflussi netti si sono attestati a CHF 10,0 miliardi rispetto ai precedenti CHF 17,1 miliardi. Presso la clientela istituzionale i deflussi netti sono rallentati a CHF 1,2 miliardi da CHF 6,6 miliardi. I deflussi netti dalle attività wholesale intermediary sono rallentati a CHF 8,8 miliardi da CHF 10,6 miliardi. La divisione ha registrato afflussi netti da clienti esterni per la prima volta dal quarto trimestre 2006 a seguito della buona performance degli investimenti.

Al 30 settembre 2009 il patrimonio investito ammontava a CHF 2.258 miliardi, contro i CHF 2.250 miliardi al 30 giugno 2009. CHF 982 miliardi erano ascrivibili a Wealth Management & Swiss Bank, CHF 694 miliardi a Wealth Management Americas e CHF 583 miliardi a Global Asset Management.

Base patrimoniale e bilancio

Al 30 settembre 2009 il coefficiente patrimoniale BRI Tier 1 di UBS era pari al 15,0%, in aumento rispetto al 13,2% registrato al 30 giugno 2009. Nel corso del terzo trimestre gli attivi ponderati in funzione del rischio sono scesi del 15% a CHF 210,8 miliardi e il capitale BRI Tier 1 ha evidenziato una flessione di CHF 1,0 miliardi attestandosi a CHF 31,6 miliardi. I numeri del terzo trimestre includono l'impatto sul capitale per CHF 1,4 miliardi del pagamento effettuato da UBS in relazione alle cedole sulle obbligazioni a conversione obbligatoria convertite ad agosto 2009, nonché l'effetto della conclusione della vendita di UBS Pactual avvenuta nel terzo trimestre.

Nel terzo trimestre UBS ha ulteriormente ridotto il proprio bilancio di CHF 124 miliardi e al 30 settembre 2009 deteneva un patrimonio complessivo di CHF 1.476 miliardi.