Novità UBS


Secondo l'Indice UBS, lieve ripresa dell'ottimismo di risparmiatori-investitori europei sulla scia di migliori prospettive dei mercati finanziari

| About UBS

Secondo l'Index of Investor Optimism® - EU 5, una collaborazione tra UBS e Gallup Organization, a novembre l'ottimismo tra i singoli risparmiatori ha registrato un lieve miglioramento. Mentre i giudizi in merito alle prospettive dei mercati finanziari globali hanno rilevato un certo recupero, i risparmiatori hanno espresso un crescente pessimismo sull'economia europea.

A novembre l'Index of Investor Optimism®-EU 5 globale è aumentato di 5 punti, raggiungendo in tal modo un livello di -28 punti, punteggio in rialzo rispetto ai -33 di ottobre (Tabella 1). I risparmiatori-investitori hanno riportato un maggiore ottimismo per le prospettive dei mercati finanziari sia a breve sia a lungo termine (Tabella 2). La percentuale di risparmiatori che si ritiene molto o abbastanza ottimista sulle prospettive dei mercati finanziari nei prossimi dodici mesi è aumentata dal 22% di ottobre al 27% di questo mese, mentre un parere pessimistico è stato espresso dal 51% dei risparmiatori, percentuale in ribasso rispetto al 59% dello scorso mese. Gli intervistati prevedono inoltre di ottenere una percentuale media di rendimento del 7,5% sul proprio portafoglio nei prossimi dodici mesi, in rialzo dalla previsione del 6,3% di ottobre.

I risparmiatori continuano a considerare una potenziale guerra contro l'Iraq come la minaccia più grave per i mercati finanziari globali, sebbene la percentuale di investitori che condivide questa opinione sia diminuita al 37% dal 47% di ottobre (Tabella 3), mentre il 27% considera un attentato terroristico come la principale minaccia (in rialzo dal 19%) e il 20% ritiene che il problema potenziale più serio sia una recessione economica di lunga durata (in rialzo dal 18%).

In contrasto con la migliore valutazione del mercato finanziario, i risparmiatori riportano di essere sempre più preoccupati per le prospettive di crescita economica e di occupazione in Europa. La percentuale di risparmiatori che si rivela pessimista sulle prospettive di occupazione è aumentata dal 54% di ottobre al 59% del mese corrente, mentre si è registrata una flessione tra coloro che esprimevano ottimismo dal 24% al 20%. Va notato che un numero minore di risparmiatori (il 61% rispetto al 68% dello scorso mese) ritiene che una ripresa dell'economia europea sia la prospettiva più probabile, mentre il 32% considera più probabile una continua debolezza economica, percentuale in rialzo dal 25% di ottobre. (Tabella 4).

Londra 25 novembre 2002