Novità UBS


Calo dell'ottimismo degli investitori in febbraio

| About UBS

Con il dissolversi del supporto ai mercati europei, aumenta la fiducia nei mercati statunitensi fra gli investitori dell'UE 5.

In febbraio, gli investitori privati di tutta Europa si sono rivelati meno fiduciosi in seguito al protrarsi della debolezza economica che ha accresciuto i timori per il futuro dei mercati finanziari europei. È quanto ha rivelato l'Index of Investor Optimism® - EU 5.

In febbraio l'indice rileva l'ottimismo degli investitori a quota 20, dopo i 40 punti totalizzati il mese scorso. Sono state in particolare ridimensionate le prospettive di crescita economica per i prossimi dodici mesi; in febbraio, il 41% degli investitori privati si sono mostrati infatti pessimisti, contro una percentuale del 33% in gennaio. Analogamente, il 38% di loro si è detto pessimista riguardo alla performance del mercato azionario nell'anno corrente, contro un 31% nel mese scorso.

Secondo quanto rivelato dall'indice, l'Europa sarebbe finita in coda agli Stati Uniti nella graduatoria dei mercati finanziari più appetibili. Il 42% giudica attualmente più allettanti i mercati statunitensi, contro il 33% di gennaio. Questo dato è in contrasto con il 31% degli investitori dell'UE 5 che affermano di nutrire questo mese prospettive più favorevoli per i mercati europei rispetto al 42% di gennaio.

Londra, 25 febbraio 2002
UBS SA