Nouvelles UBS


UBS Outlook Svizzera: La formazione conviene

Zurich/Basel | | Media Releases Switzerland

  

La percentuale di laureati in Svizzera nell'ultimo decennio è salita dall'11 al 25%. L'economia svizzera beneficia dell'immigrazione di personale qualificato risparmiando così tra i sei e gli otto miliardi di franchi all'anno in costi di formazione. Gli economisti di UBS prevedono una solida crescita economica del 2,1% nel corso dell'anno.

Zurigo/Basilea, 7 luglio 2014 – Il livello d' istruzione della popolazione residente in Svizzera è sensibilmente aumentato nell'ultimo decennio. Ormai il 25% degli abitanti possiede una laurea universitaria. Se a questi si aggiungono i diplomati di scuole universitarie professionali, la quota arriva quasi a sfiorare il 40%.

A ogni livello d'istruzione, i vantaggi superano i costi della formazione. In sostanza, il salario maggiore ottenuto direttamente grazie alla formazione è mediamente superiore ai costi della formazione stessa e al salario mancato durante il periodo della formazione.

Ma la formazione non conviene solo al singolo. Anche lo Stato beneficia della formazione dei suoi abitanti nonostante si faccia solitamente carico di una grossa fetta dei relativi costi. Con il sistema fiscale progressivo, in Svizzera le tasse aumentano in modo più che proporzionale con l'aumentare del reddito e le persone meglio istruite percepiscono solitamente meno sussidi di assistenza sociale.

Tutelare il sistema di formazione
Negli scorsi anni, la Svizzera ha beneficiato dell'immigrazione, potendo scegliere talenti da un enorme bacino internazionale senza gravare sulle finanze pubbliche. Negli ultimi anni l'immigrazione netta è stata di circa 20 000 persone all'anno con formazione di livello terziario. I costi per formare queste persone altamente qualificate ammonterebbero in Svizzera annualmente a sei-otto miliardi di franchi. Ogni anno la Svizzera ha quindi risparmiato circa un quarto del budget annuo per la formazione.

Paesi come Francia, Spagna o Italia mostrano però che un elevato grado di accademizzazione e una forte carenza di formazione professionale possono generare elevati tassi di disoccupazione giovanile strutturale. Pertanto la Svizzera fa bene a tutelare il suo comprovato sistema di formazione.

Nonostante un sistema educativo eccellente, la Svizzera in alcuni settori soffre di una mancanza di personale qualificato determinata dalla forte crescita economica e occupazionale degli ultimi anni. Però anche con la forte immigrazione di lavoratori ben qualificati non si è potuto colmare il sopra menzionato gap. Il problema potrebbe addirittura acuirsi dopo l'approvazione dell'iniziativa contro l'immigrazione di massa, tanto più se si considera il futuro impatto del cambiamento demografico. "In Svizzera nei prossimi dieci anni un milione di persone raggiungerà l'età pensionabile. Conseguentemente, anche considerando una ulteriore crescita occupazionale, stimiamo che mancheranno circa mezzo milione di lavoratori. Dovremo quindi continuare a essere in grado di attirare le migliori persone da tutto il mondo" dice Lukas Gähwiler, CEO UBS Svizzera, in occasione di un evento mediatico a Zurigo.

Congiuntura: maggiore sfruttamento delle capacità e più investimenti in nuove attrezzature
A inizio anno la Svizzera presentava una crescita economica equilibrata del due per cento nel confronto annuale. Nel primo trimestre dell'anno, gli elevati investimenti edilizi e la ritrovata vivacità delle esportazioni sono riusciti a compensare l'indebolimento della crescita dei consumi privati. Visto il consolidamento del recupero europeo, gli economisti di UBS prevedono sviluppi ancora positivi per le esportazioni quest'anno. Con il conseguente aumento dello sfruttamento delle capacità, gli investimenti dovrebbero aumentare. Quest'anno, gli economisti di UBS prevedono una crescita economica del 2,1% e del 2,2% per il 2015.

UBS Outlook Switzerland

Fonti: Seco; UBS

Nell'elaborare le previsioni congiunturali di UBS CIO WM, gli economisti di UBS CIO WM hanno collaborato con gli economisti impiegati presso Investment Research. Le previsioni e le valutazioni sono aggiornate solo alla data di redazione della presente pubblicazione e possono variare in qualunque momento.


UBS SA


Contatti

Daniel Kalt, Regional CIO Svizzera
Tel. +41 44 234 25 60, daniel.kalt@ubs.com

Veronica Weisser, UBS Chief Investment Office WM
Tel. +41 44 234 50 62, veronica.weisser@ubs.com

Sibille Duss, UBS Chief Investment Office WM
Tel. +41 44 235 69 54, sibille.duss@ubs.com
 

UBS Outlook Svizzera: www.ubs.com/outlook-ch-it
Pubblicazioni UBS e previsioni relative alla Svizzera disponibili al sito: www.ubs.com/investmentviews

 

www.ubs.com