Vendere o ereditare un’abitazione di proprietà.

Chi pianifica tempestivamente la vendita o il cambio di abitazione può conseguire un risparmio sulle imposte. È opportuno anche pensare per tempo alla situazione abitativa nella terza età e alla regolamentazione successoria in caso di decesso.

Per vendere il vostro immobile potete procedere a trattative private o incaricare un agente immobiliare. Ciascuna variante presenta dei vantaggi e degli svantaggi.

Agente immobiliare

Vendita privata

Vantaggi

  • Coordina tutte le fasi del processo di vendita
  • Dispone del know how specifico e di una rete di contatti (conoscenza delle caratteristiche del mercato locale, anche per quanto riguarda la fissazione del prezzo)
  • Allestisce la documentazione in modo professionale
  • Fissa appuntamenti con le persone interessate per le visite all’immobile
  • Conduce le trattative contrattuali con imparzialità

  • Gestione flessibile degli appuntamenti per le visite all’immobile e del prezzo di vendita
  • Nessuna spesa di provvigione

Svantaggi

  • Spese di provvigione (2-3%, per immobili di piccole dimensioni si applica una tariffa minima)
  • Necessaria un’estrema cura nella selezione dell’agente immobiliare (subordinare il pagamento ai risultati o prevedere un corrispettivo forfettario, consultare gli immobili già trattati e le referenze, verificare gli attestati professionali e l’esperienza lavorativa nel settore)
  • Difficoltà nel fissare un prezzo di vendita* realistico
    Mancanza di esperienza nel settore e di una rete di contatti
  • Mancanza di pratica nelle tattiche di negoziazione

* Nel Mercato immobiliare UBS i clienti UBS possono pubblicare delle inserzioni a prezzo scontato.


* Numero verde. Eccezioni: i vari provider di telecomunicazioni possono applicare un sovrapprezzo per le chiamate da cellulare, cabina telefonica o dall'estero.